un maiale in affitto

Oggi insieme a me c’è  Marcello, un mio amico che mi consiglierà come pubblicizzare il mio blog: 

  • ·         Scrivere su ogni porta “piccole storie sarcastiche”
  • ·         Timbrare i mutandoni di tutte le nonnine della città
  • ·         Prendere la vernice e scrivere piccole storie sarcastiche sui muri 
  • ·         Attaccare un cartellone con scritto piccole storie sarcastiche alettone posteriore di un aereo
  • ·         Scrivere su delle magliette I love piccole storie sarcastiche
  • ·         Creare un virus che spenga tutti computer che se tu non schiacci col mouse la scritta che appare sullo schermo cioè piccole storie sarcastiche e visiti il blog non si riaccende

Ma non basta.
Soprattutto serve una mascotte: cioè un animale simbolico, potrebbe essere un maialino che porta un libro con scritto piccole storie sarcastiche su tutte le pagine. Convincente a tal punto che se una persona lo legge alla fine memorizza il nome del blog.

La storia del maialino pubblicitario di Marcello

Con i maialini in affitto i problemi possono essere tanti.
Dovete sapere che questo maialino a volte è molto arrabbiato con il suo padrone, perché lo obbliga a fare quello sporchissimo lavoro (cioè il maialino pubblicitario).
Ad ogni persona che incontra lancia una maledizione e gli dice frasi spaventose.
Tuttavia ne vale sempre la pena….. e questo lavoro è richiestissimo.
Pensate che una volta il padrone gli ha preso il libro e ha cominciato a leggere, mentre il maialino gli diceva che era suo è lo doveva mollare perché era del maialino, ma il padrone, ignorandolo ha preso il libro e lo ho letto.
Durante la notte sua moglie non riusciva a dormire perché lui continuava a dire piccole storie sarcastiche per tutta la notte e di mattina al posto del caffè e delle bevande chiedeva solo  piccole storie sarcastiche.
Quel libro è potentissimo, praticamente è fatto in modo che leggendolo si memorizzi la parola piccole storie sarcastiche.

Questo è il bello della pubblicità.

Secondo voi questi maiali sono all'altezza del compito? 





troppo intelligente si libererebbe subito

il prossimo!

siamo sicuri che si sia proposto?

il prossimo!

secondo me non regge una giornata intera

il prossimo!

il libro è più grande di lui

il prossimo! 

chi lo toglie dall'erba? non ha ancora imparato l'A B C 

il prossimo!

ma ritorna dal suo padrone? sembra monello però mi piace: lo assumo!




Commenti

  1. Ciao Robbi!!! Ciao anche ai tuoi amici, che forse conosco un po' anch'io, che dici?? Stai facendo un lavoro meraviglioso, sei bravissimo Robbi!! Lo sai che mi hai fornito un sacco di idee da sviluppare con i miei nuovi alunni? Ti verrò sicuramente a disturbare per avere da te indicazioni preziose!! Continua così Robbi, non mollare, tieni sempre vivo questo blog, è fantastico!!!
    Un abbraccio, Marta

    RispondiElimina

Posta un commento